Recensione HTC Desire EYE

HTC Desire EYE è la sopresa di fine anno targata HTC, una vera e propria voce fuori dal coro del produttore taiwanese. Uno smartphone Android con hardware da top di gamma e due ottime fotocamere, entrambe dotate di flash dual LED. Per strizzare l’occhio ad un pubblico giovanile ed amante dei selfie e, perchè no, delle foto in gruppo nessuno escluso.

I colleghi di Hi-Tech Italy hanno avuto modo di conoscerlo all’anteprima mondiale di New York insieme alla RE Camera, e qualche tempo fa ve lo abbiamo presentato più da vicino con questo hands-on. Oggi lo recensiamo per voi, e vi anticipiamo già che questo smartphone ci è piaciuto.

htc_desire_eye_1
Desire EYE è grande, questo dobbiamo dirvelo. Così, a bruciapelo. Se avete trovato grande One M8 alla sua uscita, questo è più alto di circa un centimetro. I dati: 151,7 x 73,8 x 8,5 mm e 154 g di peso. 

Ma sa farsi perdonare: rispetto ad M8, ancora portabandiera HTC, perde i materiali nobili come l’alluminio per passare al policarbonato. Non parliamo di rinunce, ma di punti di vista: maggiore leggerezza e minore delicatezza, guadagnando inoltre un’inaspettata certificazione IPX7, che vi consente di immergerlo senza troppi pensieri fino a 1 metro di profondità per 30 minuti (ma alzi la mano chi non ha avuto un minimo di batticuore la prima volta che ha immerso in acqua un cellulare da 500 Euro).

Il frontale ingloba anche gli ottimi doppi altoparlanti con doppio amplificatore audio dedicato a cui HTC ci ha abituati da un paio di anni, abilmente mimetizzati alle estremità verticali dello schermo.


Tuttavia la “colpevole” principale del centimetro in più rispetto ad M8 è anche il principale elemento di distinzione di questo telefono: la fotocamera frontale, da cui prende anche il nome. Il grande occhio centrale che ricorda un moderno Polifemo nasconde un sensore CMOS da 13 Megapixel con obiettivo grandangolare 22 mm, apertura f/2.2, HDR, sensore retroilluminato BSI, Auto-Focus, doppio Flash LED con cattura video HD 1080p @ 30fps. I concorrenti si sono fermati molto più in basso, ed il Flash LED ne è l’ulteriore prova.
Abbandonate il concetto di selfie – o, se siete più social, di groufie (termine piuttosto goffo che sta ad indicare gli autoscatti di gruppo) – che avevate finora: qui siamo ad un altro livello. Le foto sono più grandi, più definite, e grazie alle ottimizzazioni software di HTC è possibile sfruttare la fotocamera frontale ed il suo Flash anche per videochiamate su Skype e videoconferenze di gruppo (grazie al riconoscimento simultaneo di più volti in tempo reale). Si chiama EYE Experience, ed il costruttore taiwanese l’ha lanciata proprio con questo smartphone per poi estenderla progressivamente a tutti gli altri prodotti di fascia alta (ne abbiamo parlato qui).

Lo schermo è un Super LCD 3 capacitivo da 5,2″ con risoluzione Full HD 1080p (1920 x 1080 pixel), ed ovviamente supporto Multi-Touch. Brillante e ben definito come HTC ci ha ormai abituato sui prodotti di fascia alta, si legge bene anche sotto il sole.


Nella parte posteriore il Desire EYE sfoggia una seconda fotocamera CMOS da 13 Megapixel con obiettivo grandangolare 28 mm, apertura f/2.0, sensore retroilluminato BSI, Auto-Focus, doppio Flash LED con cattura video HD 1080p @ 30fps, HDR, funzioni HTC Zoe. Fin qui, dati piuttosto ordinari con scatti definiti e di buona qualità.


Ma è scavando nelle impostazioni che questa fotocamera ci ha conquistato, in particolare nella modalità manuale. HTC infatti si distingue rispetto ai concorrenti consentendo di impostare il tempo di apertura dell’otturatore, che con questo smartphone regala scatti notturni davvero soddisfacenti. Lasciando indietro anni luce One E8, per certi versi inaspettatamente poichè anch’esso equipaggiato con una fotocamera posteriore da 13 MP, e in parte sconfiggendo anche il top di gamma One M8. 13 MP contro i canonici 4 UP, che alla luce di questo confronto perdono definitivamente senso.
A patto di accettare un po’ di rumore nelle situazioni più estreme, dove tuttavia la maggior parte degli smartphone della concorrenza cattura poco meno di un pugno di buio, e a condizione di dotarsi di mano ferma o di un buon cavalletto, il Desire EYE sa sorprendere e farsi amare. Perciò, non consideratelo solo un selfie-phone. E rimproverate HTC solo per un motivo: un bello stabilizzatore ottico, qui, non sarebbe stato affatto male.

I risultati potrete vederli voi stessi nelle foto a fine recensione.


A livello costruttivo il Desire EYE è solido e robusto. Nessuno scricchiolio tra le plastiche, tolleranze al millimetro ed assemblaggi ben studiati garantiscono l’impermiabilità. A tal fine, i cassettini per la nano SIM e la MicroSD, collocati sul lato sinistro, sono rivestiti da un’ottima guaina in gomma.
L’ingresso per il jack audio stereo da 3,5 mm, collocato sul lato superiore, e la porta Micro USB, sul lato opposto, sono invece scoperti ma comunque appositamente trattati. Da questo punto di vistapossiamo certificare in prima persona la bontà del trattamento idrorepellente dopo che un’intera bottiglia d’acqua ci è stata rovesciata – fortuitamente – sullo smartphone: test brillantemente superato!

Il lato destro ospita il tasto di blocco/accensione ed il bilanciere del volume, insieme ad un inedito tasto di scatto per le due fotocamere. Purtroppo manca la doppia corsa, il che vi costringerà a toccare lo schermo per mettere a fuoco o ad attendere qualche istante per la messa a fuoco automatica. Una resistenza alla pressione troppo accentuata rischerà di compromettere le foto notturne, dove è richiesta una mano particolarmente ferma. Questo è il bicchier d’acqua in cui HTC si è persa nella progettazione del Desire EYE, fortunatamente un bicchiere non troppo penalizzante (si pensi ai vari antenna-gate di alcuni concorrenti).


L’hardware sotto il cofano rappresenta lo stato dell’arte della maggior parte dei top di gamma 2014, ed è una bella sorpresa trovarlo anche sulla serie Desire. Il processore è, come su M8, un Qualcomm Snapdragon 801 MSM8974AB v3 quad-core a 2,3 GHz, coadiuvato da una GPU Qualcomm Adreno 330 e 2 GB di RAM (DDR2).
Hardware completato alla perfezione da HTC grazie all’interfaccia utente Sense 6 con HTC BlinkFeed, una garanzia in termini di stabilità e di fluidità, che fa letteralmente volare Android 4.4 “KitKat” (a breve aggiornato con Android 5.0 “Lollipop”).

I 16 GB di memoria interna (8,9 GB disponibili per l’utente) sono espandibili con MicroSD fino a 128 GB. Connettività completissima, con Wi-Fi 802.11a/b/g/n (2,4 e 5 GHz) – buona la ricezione – e Bluetooth 4.0 con aptX. Non manca il supporto alle reti di quarta generazione LTE (800/900/1800/2600 MHz, 150/50 Mbps), con una ricezione che non presta il fianco a critiche.


Di seguito alcuni scatti realizzati con le fotocamere del Desire EYE. I primi quattro sono realizzati in contesti diurni/tramonto ed in modalità automatica (seconda e quarta foto con HDR).





Per le due foto notturne è stata utilizzata la modalità manuale, con un’apertura di 0,5 secondi (è possibile arrivare fino a 2,0).



Infine, l’ultima immagine (autoscatto) è stata acquisita con la fotocamera frontale nel tardo pomeriggio, con il sole appena tramontato.



Non possiamo purtroppo mostrarvi la confezione commerciale, poichè l’esemplare recensito non ne era provvisto. Tuttavia, dalle informazioni in nostro possesso sappiamo che la confezione originale dovrebbe includere il caricabatterie da rete, il cavo USB/Micro USB ed un paio di auricolari stereo, oltre alla consueta manualistica.

HTC Desire EYE è venduto in Italia ad un prezzo ufficiale di 549 Euro, che molto facilmente online scendono di almeno 100 Euro. Ha caratteristiche da top di gamma, sebbene l’arrivo sul mercato sia forse un po’ tardivo e le caratteristiche oggi di alto livello saranno soppiantate, nel secondo trimestre, da quelle dei nuovi arrivi.
Il dispositivo c’è e funziona bene, si distingue dalla concorrenza per le due ottime fotocamere, e per gli altrettanto ottimi altoparlanti stereo a cui HTC ci ha ormai abituati. Ed è impermabile. Con le sue colorazioni strizza l’occhio ai più giovani, costituendo un’alternativa assolutamente valida a top di gamma blasonati. E la Sense è una garanzia di qualità.

Scheda tecnica | HTC Desire EYE

  • Sistema operativo Android 4.4 “KitKat”
  • Funzioni telefoniche Quad-band GSM/GPRS/EDGE (850/900/1800/1900 MHz), Tri-band UMTS/HSPA+ (850/900/2100 MHz, HSDPA a 42 Mbps, HSUPA a 5,76 Mbps), Quad-band LTE (800/900/1800/2600 MHz, 150/50 Mbps)
  • Display Super LCD 3 capacitivo da 5,2″ touchscreen con risoluzione Full HD 1080p (1920 x 1080 pixel), supporto Multi-Touch
  • Interfaccia utente HTC Sense 6 con HTC BlinkFeed
  • Controller grafico Qualcomm Adreno 330
  • Processore Qualcomm Snapdragon 801 MSM8974AB v3 quad-core a 2,3 GHz
  • Wi-Fi 802.11a/b/g/n (2,4 e 5 GHz)
  • Bluetooth 4.0 con aptX
  • 16 GB di memoria interna (8,9 GB disponibili per l’utente)
  • 2 GB di RAM (DDR2)
  • Fotocamera posteriore CMOS da 13 Megapixel con obiettivo grandangolare 28 mm, apertura f/2.0, sensore retroilluminato BSI, Auto-Focus, doppio Flash LED con cattura video HD 1080p @ 30fps, HDR, funzioni HTC Zoe e Fotocamera anteriore CMOS da 13 Megapixel con obiettivo grandangolare 22 mm, apertura f/2.2, HDR, sensore retroilluminato BSI, Auto-Focus, doppio Flash LED con cattura video HD 1080p @ 30fps
  • Ricevitore GPS integrato con supporto A-GPS e GLONASS
  • Accelerometro
  • Giroscopio
  • Sensore di illuminazione ambientale
  • Sensore di prossimità
  • Bussola digitale (magnetometro)
  • Audio HTC BoomSound
  • Supporto Sense Voice
  • Doppio altoparlante frontale con doppio amplificatore audio dedicato
  • Supporto NFC
  • Supporto DLNA
  • HTC Connect
  • Connettore MicroUSB 5-pin (USB 2.0 Hi-Speed)
  • Resistenza all’acqua su standard IPX7 (fino a 1 metro di profondità per 30 minuti)
  • Jack audio stereo da 3,5 mm
  • Supporto nanoSIM
  • Slot per schede di memoria microSD (fino a 128 GB)
  • Triplo microfono per eliminazione del rumore
  • Batteria ai polimeri di ioni di litio da 2400 mAh (non removibile) con autonomia fino a 20 ore in conversazione e fino a 538 ore in stand-by (copertura 3G)
  • Dimensioni 151,7 x 73,8 x 8,5 mm
  • Peso 154 g

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: