I futuri terminali Sony Ericsson avranno un bootloader aperto

Logo AndroidTutte le aziende, chi più chi meno, oramai si muovono verso l’open-source, ma non solamente parlando di utilizzo di software libero ma anche come limitazioni inserite dalla casa nei terminali; inizialmente è stata Motorola ad inserire nel suo tablet XOOM un firmware con bootloader sbloccabile e ribloccabile e ora sembra che anche Sony Ericsson farà la stessa scelta.

I futuri terminali della casa nipponica avranno infatti un bootloader libero che permetterà all’utente più “smanettone” di effettuare modifiche a suo piacimento; con i nuovi Sony Ericsson Xperia Play, Sony Ericsson Xperia Arc, Sony Ericsson Xperia Neo e Sony Ericsson Xperia Pro avremo quindi l’inizio di una maggiore libertà per l’utilizzatore finale.

Sony Ericsson Xperia Play
Naturalmente la casa non ne risponderà per i danni effettuati dall’utente poco esperto e alcune procedure effettuabili grazie a queste novità potranno invalidare la garanzia.

Tutto sommato però, è un grande passo in avanti verso la definitiva affermazione dell’open-source.

Approfondimenti: Sito web Sony Ericsson Xperia

Rispondi