Qualcomm migliora l’autonomia dei dispositivi con chip Snapdragon tramite l’applicazione BatteryGuru per Android

Logo di Qualcomm BatteryGuruUno dei problemi principali dei moderni dispositivi elettronici è sicuramente la durata della batteria. Il tema è molto sentito, tanto che Eric Schmidt ha parlato esplicitamente dell’autonomia dei terminali come uno dei due principali campi di intervento di Google dopo l’acquisizione di Motorola e ancora più recentemente Google ha depositato un brevetto in merito.

Qualcomm sta cercando di migliorare la durata delle batterie intervenendo anche a livello di ottimizzazione software tramite un’applicazione per Android chiamata BatteryGuru rivolta ai terminali dotati di processore Snapdragon, come per esempio i recenti HTC One, Samsung Galaxy S4 o LG Nexus 4 solo per citare i più famosi.

Snapdragon BatteryGuru per Android 
L’applicazione Snapdragon BatteryGuru è appena uscita dalla fase di beta e si propone di imparare le abitudini d’uso degli utenti per intervenire su alcuni parametri che influenzano pesantemente il consumo della batteria come il WiFi o l’aggiornamento in background delle applicazioni.

Per i primi due giorni l’applicazione sarà in modalità apprendimento limitandosi a raccogliere dati sull’uso del dispositivo. Successivamente BatteryGuru potrà disattivare automaticamente il Wi-Fi quando usciamo dalla portata dei nostri hotspot personali. La modalità di apprendimento resta sempre attiva per cui i risultati dovrebbero migliorare nel tempo.

Snapdragon BatteryGuru gestisce l'aggiornamento dati delle applicazioni
L’applicazione gestisce l’aggiornamento dei dati delle applicazioni racchiudendole in tre categorie: in base all’uso, quando vuole e solo all’apertura. È sempre possibile regolare manualmente gli intervalli di tempo con cui permettere alle singole applicazioni di aggiornarsi, come si vede dall’immagine.

In linea di massima non si tratta di funzioni nuove in ambito Android. Chi lo desidera e ne è in grado può utilizzare applicazioni come Tasker per realizzare impostazioni automatiche anche più specifiche, ma il punto di forza dell’applicazione di Qualcomm è la sua capacità di funzionare senza il minimo intervento da parte dell’utente.

Occorrerà del tempo per verificare se questa applicazione è in grado di mantenere le promesse ed eventualmente stabilire l’entità del risparmio sul consumo della batteria. L’applicazione gratuita si trova all’interno del Play Store e può valere la pena testarla sul campo.

Approfondimenti: applicazione Snapdragon BatteryGuru su Google Play Store

Fonte: Android Community 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: