Winamp: dopo 4 anni di silenzio, torna il player più amato di sempre. Ecco le novità introdotte

0
53

Ne è passato di tempo dall’ultima volta che abbiamo sentito parlare di Winamp, ossia un software dedito interamente alla musica e che non aveva aggiornato praticamente da molto tempo. Ma che cosa è cambiato nel prodotto attualmente?

DeepMind, la AI di Google, ha ricomposto tutte le proteine esistenti in 3D: i risultati sono strabilianti
Con questa nuova tecnologia saremo in grado di compiere dei veri miracoli – Androiditaly.com

Per chi se lo fosse perso: dovete sapere che sia appena uscita la nuova versione di Winamp, precisamente la 5.9 RC1. Questa release migliorerà uno dei più popolari riproduttori di file MP3 negli anni precedenti, come anche quelli successivi il nuovo millennio. Sappiate che sia uscita soltanto 4 anni dopo dall’ultimo aggiornamento, e farà con molta probabilità piacere agli utenti di Windows 11 dal momento che migliora la compatibilità con il sistema operativo.

A livello tecnico, invece, troviamo un miglioramento notecole: si passa da Visual Studio 2008 a Visual Studio 2019. A quanto pare quello sta causando qualche piccolo problema tecnico secondario, guardando attentamente, è nell’esecuzione della plugin di visualizzazione MilkDrop o nel calcolo del valore di ReplayGain nei file OGG Vorbis. È stato anche rimosso il supporto a sistemi operativi più vecchi, come Windows XP e Vista, e adesso è necessario almeno Windows 7 Service Pack 1 oppure un sistema più recente.

I miglioramenti e la storia di Winamp

Winamp: dopo 4 anni di silenzio, torna il player più amato di sempre. Ecco le novità introdotte
Winamp sembra che stia ritornando in tutto il suo splendore – Androiditaly.com

Durante questo update i produttori hanno anche colto l’occasione per parlarci faccia a faccia: hanno raccontato che il ciclo di sviluppo di Winamp 5.9 è stato piuttosto complicato e travagliato, soprattutto per via del Covid-19 che ha provocato blocchi e pause per entrambi i team di sviluppo dedicati al software. Dall’esterno, invece, le novità possono sembrare poche, ma il passaggio da VS2008 a VS2019 è stato molto delicato e impegnativo. Ora che tutto funziona con un ambiente di sviluppo moderno, è possibile tornare a concentrarsi sulle nuove funzioni allo scopo di rendere Winamp decisamente migliore di come lo conosciamo.

Ma chi di voi conosce la reale storia del software? La prima versione ufficiale di Winamp è stata rilasciata nel 1997 da due programmatori, Justin Frankel e Dmitry Boldyrev, che nei mesi successivi hanno fondato la software house Nullsoft. La stessa è stata comprata due anni dopo, nel 1999, per 80 milioni di dollari da AOL, società che rilasciò un aggiornamento concreto soltanto nel 2013. Il destino volle che il software finisse nelle mani di Radionomy, attualmente la sua unica proprietaria nonché la stessa che ci ha permesso di provare il nuovo Winamp.

🔴 Fonte: www.hdblog.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here