Hard disk da 11 milioni di dollari? La ricerca del tesoro avviene in una discarica, il motivo è assurdo

0
159

Scommettiamo che nessuno di noi si è ancora dimenticato di James Howells, lo stesso uomo che nel 2013 gettò per errore in discarica un hard disk su cui erano archiviate le chiavi private di un wallet con circa 8.000 Bitcoin. Sta ancora tentando di ottenere l‘approvazione del governo per procedere al ritrovamento del disco, ma sembra che le cose non stiano andando come dovrebbero.

Hard disk da 11 milioni di dollari? La ricerca del tesoro avviene in una discarica, il motivo è assurdo
Come possiamo vedere dall’immagine, questo è il tipo di robot adottato da Howells – Androiditaly.com

Howells, nonostante tutto il tempo passato a cercare, non si è arreso nel corso degli anni; ha chiesto più volte alla municipalità di Newport nel Galles del Sud di poter entrare nella discarica e setacciarla per ritrovare l’hard disk, ricevendo sempre risposte negative per i soliti i motivi: i costi dell’operazione e i danni ambientali che causerebbe sono le ragioni principali per cui il consiglio non dà il consenso del suo svolgimento.

Tuttavia, in una intervista ha mostrato il nuovo piano per respingere le resistenze del consiglio cittadino e avviare la ricerca dell’hard disk in mezzo a 110.000 tonnellate di immondizia. Il progetto, sostenuti da un fondo di venture capital, potrebbe costare fino a 11 milioni di dollari e sarà presentato al consiglio nelle prossime settimane.

I continui rifiuti da parte del governo

Hard disk da 11 milioni di dollari? La ricerca del tesoro avviene in una discarica, il motivo è assurdo
Non si stancherà mai di cercare una soluzione – Androiditaly.com

Secondo l’uomo questo piano richiederebbe 3 anni di lavoro e comporterebbe l’analisi di circa 110.000 tonnellate di immondizia al prezzo di 11 milioni di dollari. Il piano B, invece, costerebbe 6 milioni di dollari e richiederebbe 18 mesi. Ovviamente la creazione del progetto non è instaurata soltanto da lui, ma anche da Hanspeter Jaberg e Karl Wendeborn, ossia due venture capitalist pronti a fornire gli 11 milioni di dollari necessari qualora Howells ottenga l’approvazione del consiglio. E preoccupandosi che qualcuno possa introdursi nell’area da analizzare, ha previsto pure l’installazione di un sistema di sicurezza, nonché delle videocamere che riprenderanno la zona 24 ore su 24 e due cani robot Spot per pattugliare l’area di notte e cercare l’hard disk di giorno.

Howells, al riguardo, ci fa sapere anche che: “Non vogliamo in alcun modo danneggiare l’ambiente. Semmai, vogliamo lasciare tutto in una condizione migliore“. Nel suo piano, in aggiunta, introduce pure la costruzione di un parco solare o eolico in cima alla discarica una volta terminata l’operazione con successo. Ma il consiglio – in merito a tutte le sue proposte – la pensa in una maniera decisamente diversa: “Non c’è nulla che il signor Howells possa presentarci in grado di mettere d’accordo il consiglio. Le sue proposte comportano un rischio ecologico significativo, che non possiamo accettare“.

🔴 Fonte: www.hwupgrade.it