Da Napoli arriva Brillo, il robo-barista che prepara cocktail, caffè e drink conversando con i clienti

0
88

Non vedevamo l’ora che arrivasse a noi una progettazione tutta italiana e che fosse pure in grado di stupirci. Oggi abbiamo intenzione di parlare di un nuovo robot, che pare si differenzi da tutti gli altri per quello che ha da proporre: vediamolo.

Da Napoli arriva Brillo, il robo-barista che prepara cocktail, caffè e drink conversando con noi
Come vediamo nell’immagine, il nome del robot stesso viene esaltato – Androiditaly.com

Chissà se avete mai sperato in un mondo dove un robot potrebbe prepararci il nostro aperitivo o il cappuccino la mattina, e nel frattempo commentare i risultati della nostra squadra del cuore o l’ultima legge approvata dai nostri politici. Insomma, questo scenario da fantascienza pare essere più vicino dopo la presentazione di Brillo, il robot bartender nato dalla collaborazione dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, ovvero un team di ricercatori del laboratorio PRISCA e il produttore italiano di macchine per catene di assemblaggio alimentare Totaro Automazioni.

Il suo nome non è scritto a caso. Significa “Bartending Robot for Interactive Long Lasting Operations“, ed è stato pensato esattamente per svolgere il lavoro di bartender: sa preparare il caffè e tanti drink diversi, come anche fare conversazione e mettere il cliente a suo agio. È capace, da solo, di riconoscere una persona, ricordare la sua bevanda preferita e porgli domande ed osservazioni pertinenti in base ai dettagli condivisi durante i precedenti incontri. Ne parla al riguardo Silvia Rossi, professoressa e capofila del progetto, la quale ci dice che: “La grande novità rappresentata da BRILLO è nell’utilizzo di un algoritmo di apprendimento automatico grazie al quale può capire di cosa mi piace parlare”.

Le speciali funzioni di Brillo

Da Napoli arriva Brillo, il robo-barista che prepara cocktail, caffè e drink conversando con noi
Chissà se riuscirà a lavorare meglio di un barista – Androiditaly.com

Il bartender robot può pure rilevare tutti i segnali importanti in una conversazione, compresa la mimica facciale, una capacità che, secondo i curatori del progetto, rende molto più facile l’interazione tra essere umano e robot: “Grazie all’algoritmo non solo BRILLO apprende le preferenze e i gusti di ogni persona, ma capisce anche come interagire e mettere a proprio agio ogni cliente”.

Ma non pensiate che sia stato facile, anche perché la creazione dell’algoritmo è stata sicuramente la parte più difficile del progetto. Ha richiesto, infatti, due anni di addestramento e tantissime analisi di argomenti di conversazione. Un punto saliente è stato proprio l’approccio visto che Brillo, come spesso fanno gli esseri umani, inizia la conversazione con tematiche generaliste come quelle riguardanti il meteo per poi passare a temi comuni proprio come lo sport o politica: “Bastano appena tre o quattro interazioni per iniziare a mettere a punto il profilo dell’utente e portare la conversazioni su temi più mirati”.

🔴 Fonte: www.dday.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here