Contattare la ISS è difficile? Non per questa bambina, lo ha fatto da casa ed ha soli 8 anni: come ha fatto?

0
141

Una bambina fortunata di soli 8 anni è riuscita con l’aiuto del papà radioamatore a parlare con Kjell Lindgren, un astronauta americano. Il nome della piccola è Isabella Payne ed adesso è letteralmente al settimo cielo per l’esperienza. 

punta al cielo
Niente è impossibile per un bambino se lo vuole davvero, neanche parlare con gli astronauti. – Androiditaly.com

La notte del 2 agosto 2022 rimarrà sicuramente indelebile per la piccola Isabella. Si tratta infatti della data in cui con l’aiuto del papà Matthew Payne è riuscita ad avere una conversazione fra le stelle, per la precisione con l’astronauta Kjell Lindgren che lavora a bordo della ISS.

Ma come è possibile? La risposta è che in realtà il personale della stazione spaziale internazionale in più occasioni ha utilizzato la postazione radioamatoriale in dotazione per comunicare con eventuali civili collegati in tutto il mondo. Essere fra i radioamatori fortunati ad avere questo contatto è difficile, ma non impossibile. Così una sera di agosto Payne, che pratica questo hobby da quasi dodici anni ormai, ha ricevuto a sorpresa la risposta di un astronauta.

A quel punto Matthew non ha esitato a svegliare la figlioletta di otto anni, Isabella, per condividere con lei quel momento così esclusivo. La bambina ha risposto professionalmente riportando il numero della licenza del padre e come ha riferito alla CNN ha “davvero vissuto un sogno”. Lindgren stesso ha replicato al tweet condiviso da Matthew Payne per ringraziarlo, felice di aver contattato una radioamatrice così piccola. Ha addirittura rivelato che questa potrebbe essere “la sua conversazione preferita”.

Parlare nello spazio

ISS
Durante le pause molti astronauti amano collegarsi con i radioamatori di terra. – Androiditaly.com

Le conversazioni fra gli astronauti della ISS e i radioamatori terrestri sono rapide e durano poche decine di secondi, ma sono un ottimo sistema per ricordare a tutti che lassù il lavoro continua. Del resto è noto che la stazione spaziale non è affatto isolata, tanto che si sta studiando un canale di connessione per muovere un robot chirurgo a distanza.

Matthew Payne, padre della Isabella, ne sa parecchio, tanto che la licenza per usare la postazione radioamatoriale l’ha presa proprio con questo obiettivo. Il 23 aprile del 2016 era già riuscito a prendere contatto con un astronauta inglese, Tim Peake. All’epoca però non era stata una conversazione personale, ma condivisa con gli studenti della Wellesley House School che si trova nella contea di Kent.

Questo breve scambio per Isabella è la prima vera esperienza da radioamatore ma potrebbe presto seguire le orme del padre.

 

🔴 FONTI: www.itv.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here