Bonus Carburante, sulla piattaforma Adm puoi presentare domanda, ecco come fare

0
99

Con il 12 settembre la piattaforma per la richiesta del bonus carburante è attiva per le imprese di autotrasporto. La richiesta deve avvenire entro 30 giorni e il bonus viene poi erogato secondo la forma del reddito d’imposta.

fare rifornimento
Possono fare domanda solo le imprese che sono stabili in Italia o hanno sede legale nel paese. – Androiditaly.com

L’ora X per la richiesta del bonus carburante è scattata alle tre del pomeriggio di lunedì 12 settembre. Da quel momento per le imprese è possibile richiedere per i successivi 30 giorni il rimborso del 28% delle spese per il rifornimento del primo trimestre dell’anno corrente.

La piattaforma per la richiesta è gestita dall’ Agenzia delle Accise, delle Dogane e dei Monopoli. Si può inserire una sola domanda o eventualmente ricompilarla nel caso la prima contenesse errori. Naturalmente a poter fare domanda sono solo le imprese che hanno la sede legale in Italia o sono stabili nel paese. Si tratta di una cosa diversa, occorre precisarlo, rispetto ai buoni carburante. Questi sono infatti concessi ai dipendenti delle imprese o ai liberi professionisti ma solo fino al tetto dei 200 euro.

A stabilire il bonus carburante per gli autotrasportatori è stato il primo decreto aiuti emanato lo scorso anno (Decreto-Legge 50 del 17/05/2021) all’articolo 3. Il testo pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale stabilisce inoltre quasi 497 milioni di euro per contrastare l’aumento dei prezzi di benzina, gasolio e GPL.

Come presentare la domanda

trasporti tir
I veicoli utilizzati dalle imprese che richiedono il bonus devono avere massa pari o superiore a 7.50 tonnellate. – Androiditaly.com

Per la piattaforma Adm serve innanzitutto il richiedente risulti iscritto all’albo degli autotrasportatori e che sia in possesso della carta nazionale dei servizi o della Cie oltre che del codice SPID. Senza non è possibile accedere al sistema di inoltro delle domande poiché serve l’identità digitale. Serve anche risultare presenti all’interno del Registro Elettronico nazionale per cui è necessaria l’idoneità professionale.

L’impresa inoltre deve usare veicoli di massa uguale o superiore a quella data e che siano dotati di motori diesel non inferiori alla categoria Euro 5. Questo standard c’è da specificare che risale al 2008 e già per certi criteri appare datato.

Serve anche affrettarsi a presentare la richiesta dato il procedimento. I bonus carburante sono assegnati in base all’ordine di prenotazione fino all’esaurimento dei fondi stanziati. Nella domanda occorre documentare le spese sostenute presentando le fatture emesse nei primi tre mesi del 2022.

Il credito d’imposta erogato una volta accettata la richiesta si può utilizzare presentando il modello F24.

 

🔴 FONTI: www.repubblica.it