Un segreto incredibile viene dalla Cina: hanno trovato un minerale sconosciuto e prezioso sulla Luna

0
22

E’ ancora la Cina a rivelare novità interessanti e importanti riguardo la Luna: la missione del 2020 chiamata Chang’E-5 ha portato alla lune la presenza, nel suolo lunare, di un minerale sconosciuto ma molto prezioso.

Changesite-(Y) - Androiditaly.com 20220913
Changesite-(Y) – Androiditaly.com

Si tratta di un minerale che ha preso a prestito il nome della missione: è stato battezzato Changesite-(Y), e ne è stata trovata una particella pura nei quasi 2 kilogrammi di terreno riportato sulla Terra dalla missione cinese.

Questo materiale è stato classificato come cristallo colonnare trasparente di dimensioni pari a 10 x 7 x 4 micron. Classificata anche dall’Associazione Mineralogica Internazionale, la Changesite-(Y) è stata scoperta sulla Terra insieme ad altre polveri che potrebbero essere utilizzate come combustibile nelle reazioni nucleari.

Changesite-(Y) trovata nel suolo lunare con grandi quantità di Elio-3

Luna - Androiditaly.com 20220913
Ecco cosa è arrivato dalla Luna – Androiditaly.com

Ma non è solo la Changesite-(Y) a essere stata trovata nella composizione del suolo lunare. Il campione di terreno della Luna spedito sulla Terra e analizzato dagli scienziati ha infatti rivelato una massiccia presenza di elio-3, un isotopo non radioattivo dell’elio che possiede un valore inestimabile.

L’elio-3 è il solo isotopo stabile dell’elio ed è molto raro sulla Terra, a causa soprattutto del fatto che possiede più protoni che neutroni: il suo nucleo possiede infatti due protoni e un solo neutrone. Una eventuale fusione nucleare realizzata con elio-3 e deuterio sarebbe una ricchezza inestimabile per l’umanità dal momento che non creerebbe il problema delle scorie nucleari.

Utilizzato per le risonanze magnetiche e per rivelare i traffici di materiale nucleare nei valichi di confine statunitensi dopo i fatti dell’11 settembre 2001, l’elio-3 è così raro che ad oggi viene valutato addirittura 17.000 dollari al grammo. Infatti, ricavato dal decadimento del tritio, ogni anno se ne riesce a ottenere solamente una quantità di 15 kg, che lo rende dunque così prezioso.

Stimando che sull’intera superficie lunare ne siano presenti 1,1 milioni di tonnellate, questo significa che il suolo lunare varrebbe, solo in termini di elio-3, 1,55 milioni di miliardi di euro. E soprattutto, sarebbe interessante produrne, o meglio estrarne, quantità abbastanza elevate da poter realizzare fusioni nucleari senza rilascio di scorie.

Anche se una eventuale fusione nucleare realizzata con elio-3 richiederebbe ai reattori di lavorare a temperature molto più elevate di quelle oggi usate dai macchinari per le reazioni nucleari a caldo, quindi una contropartita da valutare molto bene prima di giungere a delle conclusioni.

La missione Chang’E-5 inviata sulla Luna dalla Cina è iniziata nel mese di novembre del 2020 e dopo un mese si era già conclusa, evidentemente con ottimi risultati.

FONTE

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here