I social tolgono il sonno ai bambini? Secondo questo studio, si parla di una notte a settimana

0
105

Sin dalla loro nascita sono stati oggetto di discussione. Hanno rivoluzionato il mondo i social, nel bene o nel male? Come direbbero i sommi maestri latina: in medio stat virtus.

Bambina addormentata - Androiditaly.com 20220926
Bambina addormentata – Androiditaly.com

La forza dei social, se ben sfruttata, è qualcosa di incredibile, talmente forte da rivoluzione il mondo della comunicazione, una fonte infinita di ispirazione, un modo per fare pubblicità, nuovo e redditizio.

Ma quando l’uso dei social diventa abuso, son dolori. Una delle immediate conseguenze è quello di togliere il sonno ai bambini, come rivela uno studio dei ricercatori della De Montfort University Leicester.

L’ora di andare a ninna slitta

Cameretta - Androiditaly.com 20220926
I social ritardano l’ora della nanna – Androiditaly.com 20220926

L’ossessione “terrificante” dei social media sta derubando i bambini delle scuole elementari di Leicester del sonno, salutare: in pratica di una notte a settimana.

Secondo la ricerca, quella ossessione definita dai ricercatori “terrificante” sta facendo perdere il sonno vitale dei bambini delle scuole primarie, necessario per mantenere in salute le loro menti e i loro corpi giovani.

La celeberrima ora della nanna, o della ninna fa lo stesso, viene ritardata mentre i giovani scorrono gli aggiornamenti sui loro smartphone. In pratica, sempre secondo lo studio, si sta perdendo l’equivalente di un’intera notte di sonno ogni settimana, con i bambini che hanno utilizzato i social media con maggiori probabilità di segnalare livelli più elevati di Fomo (paura di perdersi), insieme ad ansia e scarsa qualità del sonno.

Si dorme (molto) di meno

Social media - Androiditaly.com 20220926
Social media – Androiditaly.com 20220926

La ricerca è stata condotta quando le scuole della città hanno iniziato a riaprire dopo il lockdown da Covid.

Invece di ricevere dalle nove alle 12 ore raccomandate dal NHS ogni notte, i bambini tra i 10 e gli 11 anni a Leicester dormono in media solo 8,7 ore, hanno affermato i ricercatori. Circa il 69,6% dei bambini che hanno preso parte al piccolo studio ha riferito di trascorrere più di quattro ore al giorno sui social media.

Nel frattempo, il 66,1% ha dichiarato di averlo usato nelle due ore prima di coricarsi e un ulteriore 12,5% ha riferito di averlo usato nel cuore della notte o quando avrebbero dovuto dormire.

I ricercatori hanno affermato che genitori e tutori dovrebbero dare l’esempio e cercare di limitare il tempo che trascorrono sui social media, anche se hanno ammesso che non esiste una soluzione facile al problema. Lo studio ha coinvolto un totale di 60 bambini di Leicester in età scolare.

La maggior parte di loro – l’89,3 per cento – ha affermato di utilizzare un telefono cellulare. I ricercatori hanno registrato che il 55,4% ha affermato di utilizzare un tablet, con il 23,2% che ha affermato di utilizzare un computer e il 9% uno smartwatch. Più abuso di così…

FONTE

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here