Google passa al lato oscuro: ecco come attivare la Dark Mode

0
14

Una pagina più modaiola che segue il trend del momento, e anche Google si aggiorna in modalità dark

La suggestiva versione dark della homepage di Google – Androiditaly.com

La supremazia del light mode cede il passo al lato oscuro, e anche Google cambia veste permettendo ai propri utenti di sperimentare questa versione più modaiola.
Il progetto era già nell’aria da inizio 2021, e l’azienda americana lo stava sperimentando in test.

Ora invece, dopo la fase di sviluppo ed implementazione è stata rilasciata e resa disponibile agli utenti. Ma non a tutti, e non contemporaneamente. Dall’annuncio rilasciato attraverso i canali ufficiali ad inizio settembre  ad oggi, la possibilità di switchare l’aspetto dell’homepage è stato un privilegio di molti ma non della comunità al completo.

Attualmente infatti non sono ancora chiare le modalità che permettono di accedere a questo plug, anche se probabilmente sono di natura territoriale o legate alla tipologia di account.

LEGGI ANCHE: Google. Arriva l’eliminazione istantanea della cronologia: come funziona

Interrogati sull’argomento gli sviluppatori però tranquillizzano la platea, garantendo che a breve si potrà impostare la nuova visualizzazione ovunque.

Come si potrà attivare la dark mode

google play
Sarà molto semplice cambiare l’aspetto della schermata principale – Androiditaly.com

Cambiare l’aspetto della pagina principale di Google sarà semplicissimo. Basterà cliccare sul tasto di impostazioni o sull’icona a forma di rotella, presente nella parte bassa dell pagina. Dopo di che andrà seleziona la voce aspetto e quindi scegliere il dark mode.

LEGGI ANCHE: Tanti big del web tra cui Google e Facebook minacciano lo stop dei servizi

Pochi facili passaggi che ci catapulteranno nella versione 2.0 della grafica, non solo quindi per tablet e smartphone ma anche per notebook e Pc.

Tuttavia l’osservazione doverosa da rivolgersi è se davvero questa opzione sia migliore sotto il punto di vista tecnico o rappresenti solo una trovata greenwash di natura effimera o puramente estetica.

Dal punto di vista fisiologico lo sanno bene quegli utenti già abituati ad impostare la modalità sui propri dispositivi quando vanno a letto. Doversi interfacciare con uno schermo scuro che risulta molto meno luminoso e rilucente, non è solo rilassante dal punto di vista psicologico ma sopratutto dal punto di vista della meccanica biofisica dell’occhio umano.

Ma questo aspetto è appunto solo una modalità d’uso, e sebbene possa essere molto suggestiva non ha un forte appiglio sul popolo di user che fa del lavoro al monitor una costante e continua a preferire il classicissimo bianco di fondo.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here