Polizia beffata da un auto a guida autonoma: ecco cos’è accaduto

0
97

Una Chevrolet Bolt viaggia a fari spenti e attira l’attenzione della polizia, che la ferma. Ma guardando dal finestrino a bordo non c’è nessuno. Si tratta di un horror? No, solo di un veicolo a guida autonoma. Che fare in questi casi?

auto oscura
Un’auto viaggia senza conducente…ma l’unico incubo è per gli agenti. – Androiditaly.com

Impossibile descrivere la sorpresa degli agenti protagonisti protagonisti di una vicenda che un tempo sarebbe sembrata sovrannaturale. Un video circolato su Internet tramite i social mostra uno di loro al telefono, a metà tra l’imbarazzato e il confuso. Come mai?

La ragione starebbe in una Chevrolet Bolt fermata poco prima poiché procedeva a fari spenti. Al momento del controllo però, come in un film dell’orrore, l’abitacolo risultava deserto. In breve è parso evidente che si trattasse di un veicolo a guida autonoma, impiegata come taxi e parte della flotta gestita dalla compagnia Cruise.

Risolto il primo mistero però agli agenti di San Francisco se ne è presentato subito un altro. Come procedere dal momento che non c’è un conducente con cui parlare? Una situazione più unica che rara che li ha portati a contattare la centrale di Polizia. A chi andrà la multa è ancora da definire…

La cosa più surreale per gli agenti è stata vedere l’auto prima rallentare come per fermarsi obbedendo alle indicazioni, per poi ripartire come nulla fosse. Ha poi accostato, poiché come riferiscono i collaudatori il modello è programmato per fermarsi solo in zona sicura.

I robotaxi di San Francisco

chevrolet bolt
Robotaxi gratuiti mentre procede la sperimentazione. – Androiditaly.com

A San Francisco è in corso un progetto simile a quello avviato da Volvo in Svezia con i taxi elettrici e le postazioni di ricarica. Nel caso della città americana il progetto però è orientato a sviluppare una flotta di robotaxi automatici.

Al momento questa sperimentazione incentiva e incoraggia l’uso delle Chevrolet che si guidano da sole con corse gratuite durante il giorno. Nell’orario serale e notturno che va dalle 22 alle 6 del mattino invece il servizio è a pagamento. Fortunatamente quando è avvenuto il controllo non c’erano passeggeri a bordo, che avrebbe innescato una situazione ancora più assurda.

Questo fatto, ironico o meno, ha portato però alla luce un problema rilevante. Come comportarsi in caso il veicolo per un errore di sistema infranga il codice della strada? Teoricamente non dovrebbe succedere ma un guasto può sempre presentarsi. Se dal punto di vista tecnico la guida autonoma è pronta, occorrerà svolgere ancora molti test.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here