Google chiude le porte alla Cina, chiudendo anche uno degli ultimi (ed importantissimi) servizi attivi nel Paese

0
57

Con la Russia aveva chiuso tempo fa, di fatto nel momento in cui Putin decise di far scoppiare una sanguinosa guerra, entrando in Ucraina. Ora Google prende le distanze (ulteriormente) anche dalla Cina.

Alphabet, controllante di Google - Androiditaly.com 20221004
Alphabet, controllante di Google – Androiditaly.com

Alphabet, la società che controlla Big G, ha formalizzato la chiusura di Translate nella Cina continentale, segnando la fine di uno degli ultimi prodotti rimasti dell’azienda nel paese. È un’altra ritirata di un gigante tecnologico americano dal paese asiatico dalla Cina negli ultimi anni.

La crescente concorrenza interna, la rigida censura e le a dir poco difficili relazioni fra USA e Cina, alla base di un’altra decisione forte da parte del colosso statunitense.

La punta di un iceberg

Google Pixel 7 - Androiditaly.com 20221004
Google Pixel 7 – Androiditaly.com

Sia le versioni per app mobile che per browser web di Google Translate sono state sospese a causa del basso utilizzo” ha spiegato Alphabet, non facendo minimamente cenno (ovviamente) ai forti attriti con la nazione asiatica.

Il sito Web della Cina continentale per Google Translate ora reindirizza gli utenti alla versione di Hong Kong del servizio. Anche Google Translate sui telefoni installati con schede SIM cinesi al di fuori della Cina non è disponibile, come ha rivelato il Wall Street Journal.

Alphabet aveva lanciato la prima versione di Google Translate a livello globale nel 2006. Ma negli ultimi anni una proliferazione di prodotti di traduzione nostrani, comprese le app sviluppate dai giganti cinesi di Internet Baidu e Tencent, ha reso difficile attrarre e trattenere utenti per GoTra il 2006 e il 2010, Google ha gestito un motore di ricerca cinese chiamato Google.cn. Prima di allora, il suo sito di ricerca inglese era sporadicamente disponibile nella Cina continentale, almeno fino a quando il governo cinese non bloccò sistematicamente i siti web stranieri attraverso il cosiddetto Great Firewall.

Anche gli altri servizi di Google, come Google Maps, Google Drive e Gmail, non erano disponibili dopo il 2010. Nel 2018, sono emerse notizie secondo cui Google stava segretamente lavorando per rilanciare la sua attività di ricerca in Cina con un motore di ricerca pesantemente censurato chiamato “Dragonfly”. Quel progetto è stato infine demolito a causa del forte contraccolpo dei suoi stessi dipendenti e dei legislatori statunitensi.

Non solo Google, altri Big Tech si allontanano dalla Cina

LinkedIn - Androiditaly.com 20221004
LinkedIn – Androiditaly.com

Il Covid, infine, ha accelerato il già presente esodo di Big Tech dalla Cina. Lì ormai sono rimasti Chrome, gli smartphone Pixel, e poco altro. Prima della pandemia, la società gestiva anche un centro di ricerca sull’intelligenza artificiale (AI) a Pechino. Ora non più.

Non solo Google, comunque. Anche altri giganti tecnologici americani stanno ridimensionando le operazioni in Cina. Ad aprile, Apple ha dichiarato che sposterà la produzione di nuovi iPhone in India per mitigare i rischi della catena di approvvigionamento associati alla politica Covid cinese.

L’anno scorso, Microsoft ha chiuso LinkedIn, il suo servizio di networking professionale, in Cina, citando un ambiente operativo impegnativo e requisiti di conformità aumentati.

FONTE

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here