Se non hai ancora riscattato il Bonus tv, dovresti farlo subito, sta per scadere, ecco quando

0
69

Avanti, c’è posto. Non tanti, ma è ancora possibile usufruire del bonus tv, necessario per risparmiare nell’acquisto di un decoder o smart tv in grado di essere compatibili con l’ormai famigerato DVB-T2, quel decoder di seconda generazione per una nuova una modalità di trasmissione televisiva digitale terrestre, praticamente obbligatorio da fine dicembre in poi.

Bonus Tv - Androiditaly.com 20221109
Bonus Tv – Androiditaly.com

A partire dal 20 dicembre 2022, la RAI ma anche Mediaset spegneranno i primi i primi canali in definizione standard con codifica Mpeg-2, quelli rimasti in una situazione ibrida, tanto per capirci: un po’ come la vedevamo tradizionalmente (prima dell’avvento della rivoluzione del digitale terrestre), un po’ con la nuova tecnologia.

Ecco, dal 20 dicembre RAI e Mediaset toglieranno in pratica l’ibrido: i canali Rai 1, Rai 2 e Rai 3, tanto per fare un esempio, saranno ricevibili solo con televisori o decoder in alta definizione. Dal 21 dicembre le programmazioni delle emittenti del servizio pubblico sulla TV digitale terrestre saranno trasmesse soltanto in Mpeg-4.

Bonus tv, la fatidica deadline

Deadline - Androiditaly.com 20221109
Deadline – Androiditaly.com

In molti hanno già cambiato, alcuni non hanno avuto mai di fatto questo problema perché avevano già in casa un televisore, o decoder, acquistato nel 2018, quindi con il famigerato DVB-T2 già incorporato. E gli altri? Quelli che devono ancora attrezzarsi, potranno usufruire ancora del bonus tv. La conferma arriva direttamente dal Mise. “Le risorse economiche stanziate per l’erogazione dei Bonus TV – Decoder e Bonus Rottamazione TV per la sostituzione dei vecchi apparecchi televisivi non più compatibili con i nuovi standard di trasmissione o per l’acquisto dei decoder compatibili con gli standard DVBT2 si esauriranno il prossimo 12 novembre”.

Così parlò il Ministero delle Imprese e del Made in Italy. Dalle ore 23.59 del giorno 12 novembre, infatti, la piattaforma messa a disposizione dall’Agenzia delle Entrate per ricevere l’autorizzazione al rilascio dei due bonus non sarà più attiva. Tradotto, niente 50 euro (come massimale) di sconto sull’acquisto di un altro dispositivo, compatibile con il DVB-T2.

Il Bonus Decoder a Domicilio

Digitale terrestre - Androiditaly.com 20221109
Digitale terrestre – Androiditaly.com

Abbiamo richiesto al Mef il rifinanziamento della misura perché riteniamo indispensabile assicurare ai cittadini la continuità di uno strumento che ha funzionato per agevolare questo delicato passaggio tecnologico“. Così il ministro Adolfo Urso al riguardo. Qualcosa, comunque, resterà dopo il 12 novembre.

Il Bonus Decoder a Domicilio continuerà ad essere erogato da parte dello Stato e in collaborazione con Poste Italiane: prevede la fornitura di un decoder di nuova generazione per i settantenni, con un trattamento pensionistico non superiore a 20.000 euro annui, che pagano regolarmente il canone RAI.

FONTE