4,5 Milioni di dollari e forse il carcere: la vicenda di un hacker di Nintendo Switch

0
326

Uno dei dipendenti di Team Xecuter dovrà pagare una salatissima multa e, forse, anche un viaggetto per il carcere, dopo aver provato a vendere chip contraffati per la personalizzazione di Nintendo Switch.

Nintendo porta in tribunale un ex dipendente – AndroidItaly.com

Nintendo come paladino della pirateria, pronto a far scontare pene pesantissime. infligge un altro duro colpo alla pirateria.La vicenda parla di Gary Bowser, hacker del Team Xecuter, che si è dichiarato colpevole, dopo aver saputole conseguenze a cui andava incontro, di violazione di copyright e vendita illegale di modchip, e ha accettato di risarcire Nintendo con 4,5 milioni di dollari e pagare una salatissima multa. Bowser  aveva sfruttato le vulnerabilità di Nintendo Switch per sviluppare e distribuire alle spalle dell’azienda, dei dispositivi  che hanno permesso agli utenti di far girare ROM piratate dei giochi. Paradossalmente, Bowser è anche il nome del cattivo di Supermario.

LEGGI ANCHE:Nintendo Switch ha qualcosa che si muove, forse una mega promo Black Friday?

Nintendo vince la causa

E’ cominciato tutto lo scorso anno,quando Nintendo ha scoperto il giro illegale alle sue spalle e ha denunciato Gary Bowser, del Team Xecuter, il gruppo responsabile della progettazione dei modchip noti come SX Core e SX Lite, sicuramente a contatto con la merce più di altri e quindi accessibili al giro pirata dei modchip. Questi dispositivi, venduti tramite marketplace online come UberChips e mercati illegali, consentivano agli utenti di eseguire software contraffatti sulla console Nintendo Switch. La prima creazione del Team Xecuter, che ha poi aperto la strada a tutte le altre, consisteva in un dongle USB che era in grado di personalizzare il sistema di Switch.  Il responsabile principale come dicevamo è Gary Bowser, conosciuto online con il nickname GaryOPA, ed era proprioquesto il contatto con cui muoveva gli affari illegali. Il 51enne è stato arrestato alla fine del 2020, dopo la sua fuga nella Repubblica Dominicana, e sta ora scontando la sua pena ai domiciliari negli Stati Uniti. Stando ai documenti diffusi da TorrentFreak, che si intende alla grande di tutta questa vicenda, Bowser si è dichiarato colpevole solo di due delle 11 accuse a cui è stato collegato, per i danni provocati a Nintendo che si professa come vittima, e lo è, di questa malefatta. L’imputato ha accettato di pagare 4,5 milioni di dollari per danni morali. Nintendo infatti afferma di aver perso tra i 65 e 150 milioni di dollari a causa dei prodotti piratati . Gary Bowser per salvare le apparenza però afferma di aver guadagnato una somma irrisoria dagli scambi, solo 320mila dollari , come se questo potesse rendere minore la pena.

LEGGI ANCHE:SuperMario torna al cinema come film d’animazione: Chris Pratt e Jack Black daranno le voci ai personaggi

Gary Bowser rischia fino a 10 anni di carcere per i suddetti reati se l’appello in corte non dovesse andare bene, oltre a una salatissima multa di 750mila dollari da aggiungere ai 4,5 milioni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here