Il ransomware Memento, in grado di bloccare e rubare i file con una facilità estrema

0
9

È stato scoperto un nuovo virus informatico in grado di acquisire, con dei processi semplici e molto efficaci, i nostri dati. Ma in che modo può farlo?

Il ransomware Memento, in grado di bloccare e rubare i file con una facilità estrema
Il ransomware in questione, oltre ad essere pericoloso, potrebbe metterci facilmente in difficoltà – Androiditaly.com

Verso l’inizio di novembre, gli esperti informatici dell’azienda Sophos hanno scoperto un nuovo tipo di ransomware, diverso da tutti gli altri e scritto in linguaggio Python, capace di entrare in possesso di molte informazioni con grande facilità.

LEGGI ANCHE: Netflix e l’offerta prova: non costa nulla e poi decidi

Il tipo di attacco che usa è totalmente differente da quello di un comune virus, tant’è che è stato subito rilevato e studiato per evitare che potesse creare dei problemi seri per quanto riguarda la sicurezza delle società.

Come funziona il virus

Il ransomware Memento, in grado di bloccare e rubare i file con una facilità estrema
Fortunatamente, per noi, sono riusciti a trovare una soluzione per questo ransomware – Androiditaly.com

Si chiama Memento, e sembra che possa sfruttare una vulnerabilità di VMware vCenter Server per poter entrare nelle varie reti aziendali. Sophos ha offerto molte soluzioni consumer e business per intercettare gli attacchi ransomware e proteggere i nostri dispositivi con successo.

Una tra queste è certamente Intercept X che, con la funzionalità di CryptoGuard, è in grado di bloccare i tentativi di decifrazione dei file. Un altro ancora potrebbe essere l’XDR, acronimo di Extended Direction and Response, con il quale è possibile rilevare attività sospette, come la creazione di archivi protetti da password per esempio.

Ed è proprio questa la tattica usata da Memento. Invece di tentare di decifrare i file, tende a copiarli all’interno di una cartella con dentro un accesso, usando una versione gratuita di WinRaR. In seguito, dopo essere riuscito a rubarli, li cancella dalla fonte originale.

A questo punto viene chiesto un riscatto di un milione di dollari alla vittima. Tuttavia, una azienda che si è trovata in questa spiacevole situazione, ha utilizzato i backup per evitare di pagare i pirati informatici.

Come avevamo accennato in precedenza, gli hacker hanno sfruttato una vulnerabilità di VMware vCenter Server per accedere alla rete della porta TCP/IP 443. Dopodiché hanno scaricato, sulle reti, due tool per eseguire i comandi via WMI e recuperare le credenziali di login. Infine, sono riusciti ad installare altri programmi tra cui Plink SSH, NMAP, NPCAP e Mimikatz.

LEGGI ANCHE: WindTre GO 100 Star con tutto incluso a soli €7,99 al mese, cosa aspettate a cambiare operatore?

A questo punto per loro è stato molto semplice tentare di decifrare i file dopo aver compresso i documenti con WinRaR. Di conseguenza, hanno ottenuto una password generata casualmente per ogni archivio, rubando centinaia di dati importanti. Ma il loro piano è fallito poiché la compagnia era già preparata per una evenienza simile.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here