Galaxy Store avrebbe un malware distribuito per errore dalla stessa Samsung: cosa c’è di vero?

0
268

Nello store di Samsung sta girando un malware pericoloso e che pare ci sia finito dentro per colpa della stessa società coreana. Ma come è potuto accadere?

Galaxy Store avrebbe un malware distribuito per errore dalla stessa Samsung: cosa c'è di vero?
I malware sono presenti dappertutto, ma nessuno pensava che li avremmo potuti incontrare con il Galaxy Store di Samsung – Androiditaly.com

A quanto pare potrebbe esserci dei virus nel Galaxy Store di Samsung, cioè un negozio online molto simile a quello di Google e pensato, in modo esclusivo, per tutti gli smartphone Android dell’azienda in questione.

LEGGI ANCHE: Chi è il sito più visitato nel 2021? Se pensate Google vi sbagliate di grosso

La segnalazione arriva direttamente da Max Weinbach, un editor freelance e che si occupa di analizzare e mandare scoop in merito a tutte le notizie riguardanti Samsung. Pare che mentre stesse cercando un download alternativo per l’applicazione di streaming Hulu, abbia notato un report di avviso di protezione di Google Play Protect alquanto anomalo.

Il software che clona le app

Galaxy Store avrebbe un malware distribuito per errore dalla stessa Samsung: cosa c'è di vero?
Per fortuna, pare che si tratti soltanto di malware e non di trojan – Androiditaly.com

L’avviso del servizio affermava che l’app in questione potesse essere pericolosa, e dato che la funzione si attiva solo quando si provano ad installare degli applicativi da fonti non ritenute sicure, ha voluto contattare linuxct, un esperto di sicurezza Android, per chiarire la questione. Le analisi effettuate sono state sconcertanti per il semplice fatto che le app incriminate fossero un “varco” dove poter installare un malware, eseguendolo successivamente. Oltretutto possono pure richiedere permessi a risorse dove, normalmente, non avrebbero accesso, come i log delle chiamate o la rubrica contatti per esempio.

Non si tratta di versioni originali, bensì di copie piratate di Showbox, un servizio che dà la possibilità a tutti gli utenti di scaricare app di terze parti – praticamente uguali a quelle che vediamo nel Galaxy Store – e di utilizzarle in tutta tranquillità. Queste, dunque, sono i principali responsabili. Gli esperti riferiscono anche se presi singolarmente si tratta di attività facilmente gestibili, ma il problema sorge nel momento in cui, nel dispositivo, ce ne sono installate davvero tante. Ciò che preoccupa, inoltre, è che ce ne siano almeno una dozzina in totale.

LEGGI ANCHE: I combustibili fossili hanno delle conseguenze atroci e i dati lo dimostrano

Da questo dato è facile arrivare alla conclusione che molti utenti abbiano installato le applicazioni, motivo per cui potrebbero essere in pericolo da un momento all’altro. Ciò che bisognerebbe fare sarebbe quello disinstallarle e limitarsi ad usufruire del Galaxy Store, senza cercare facili scorciatoie dove poter ottenere qualcosa in più.