Cosa succede alla PostePay? “Carta bloccata” è il nuovo minaccioso messaggio che è arrivato a molti

0
6

Se hai ricevuto un avviso di PostePay in cui la tua carta risulta bloccata, devi fare molta attenzione. Ecco perché.

postepay pericolo uomo al telefono
Quella che è in atto per gli utenti PostePay è a tutti gli effetti una truffa – Androiditaly.com

La carta PostaPay è una delle più utilizzate in assoluto. Risulta molto comoda da usare per qualsiasi tipo di pagamento, è molto facile da ricaricare e può essere utilizzata anche per i pagamenti online. A questo si associa un costo di gestione molto basso, che comunque prevede più piani in relazione al tipo di carta acquistata.

LEGGI ANCHE: PostePay, arriva finalmente la novità che in molti attendevano che ne semplificherà il suo uso

Se tutto questo permette di definire PostePay come una carta molto comoda, e perciò molto diffusa, dall’altro lato la sua popolarità rischia di minare la sua sicurezza. Gli strumenti che ci permettono di effettuare pagamenti, specialmente quando si tratta di Internet, sono sempre da utilizzare con la massima attenzione.

Questo può portare qualche utente a qualche click sbagliato, magari su un link sconosciuto o, peggio, a fornire dati tramite pagine che sembrano in tutto e per tutto siti ufficiali. Ricordiamo agli utenti che, in queste situazioni, la cautela deve essere assoluta per evitare di finire vittima di truffa.

Il messaggio dice “Carta bloccata”

Molti possessori di PostePay stanno ricevendo messaggi in cui si riporta che la propria carta è stata bloccata. Certo, si tratta di un’eventualità rara, specialmente quando non si muovono grandi somme di denaro, ma pur sempre possibile. Molti quindi rispondono al messaggio fornendo dati sensibili.

postepay app
Si deve stare molto attenti a verificare che ci chiede i dati sia una fonte ufficiale – Androiditaly.com

Il problema è che questi messaggi non sono ufficiali, cioè non provengono dallo staff di PostePay. In alcuni casi, alcuni utenti, hanno segnalato addirittura la ricezione di chiamate con le stesse finalità. I dati forniti sono così finiti in possesso degli ideatori di quella che a tutti gli effetti è una truffa.

Numeri di carta, codici, password: tutto è stato raccolto e successivamente utilizzato per effettuare prelievi che arrivano fino a migliaia di euro. Il tutto, dal lato dei truffatori, risulta estremamente facile, poiché una volta posseduti i dati di una carta, essa diventa “virtualmente” di loro proprietà, nel senso che possono disporne come preferiscono.

LEGGI ANCHE: PostePay tassata: assurdo ma una nuova tassa colpirà la tanto utilizzata carta di Poste

Se anche tu hai ricevuto uno di questi messaggi, ti raccomandiamo di fare attenzione. La cautela non è mai eccessiva in questi casi: conviene accertarsi al 100% che la fonte da cui si ricevono questi avvisi sia PostePay.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here