Hai un vecchio Pc? riportalo in vita con Pop Os e sarà ancora utile

0
100

Se il tuo vecchio PC non supporta Windows, non c’è problema. Il nuovo Pop Os, derivato da Ubuntu ti aiuta a riportarlo in vita.

Pop Os
Pop Os è il sistema operativo di Linux con l’obiettivo di “riportare in vita” i vecchi PC – Androiditaly.com

Non tutti hanno la disponibilità economica per comprare i PC di ultima generazione. Inoltre, spesso e volentieri, in casa abbiamo qualche vecchio dispositivo che oramai riteniamo “bruciato”, non più in grado di sopportare grandi sforzi a livello energetico. D’altronde sappiamo che Windows non è benevolo verso i vecchi PC.

Parlando del sistema operativo di Microsoft, abbiamo già descritto le richieste che questo fa al dispositivo su cui è installato. Abbiamo anche documentato alcuni rumors che davano la nuova versione, Windows 12, in fase di sviluppo. In ogni caso, è appurato che questo sistema non possa girare sui PC datati.

Come fare, dunque? Esiste un metodo, o meglio un sistema. Si, perché la soluzione è proprio un sistema operativo distribuito da Linux, uno dei tanti derivati di Ubuntu. Il suo nome è Pop Os, in versione 64 bit per piattaforme ARM64 e x86-64, scaricabile e installabile gratuitamente.

Ne esistono tre versioni: una più generica, una dedicata ai single-board computer Raspberry Pi 4 e un’ultima ottimizzata specificamente per i dispositivi che posseggono una GPU a marca NVidia. Scendiamo più nel dettaglio e cerchiamo di scoprire le caratteristiche di un sistema che potrebbe riportare in vita i nostri PC oramai obsoleti.

Pop Os, il sistema operativo di Linux che resuscita i vecchi dispositivi

Pop Os presenta svariati vantaggi per il dispositivo che lo ospita. Cominciamo con le prestazioni: le richieste a livello di requisiti sono davvero basse (2GB di RAM e 20GB di memoria), rendendo veloce qualsiasi PC si trovi a lavorare con questo sistema operativo.

L’interfaccia grafica risulta intuitiva poiché è simile a quella Windows. Anzi, una funzione come l’affiancamento delle finestre risulta molto più semplice su Pop Os che non sul sistema di Microsoft. Le gesture sono molto semplici da utilizzare e permettono di passare facilmente da una finestra a un’altra.

Pop Os supporta anche la cifratura del disco fin dall’installazione, rendendo possibile la protezione dei nostri dati contenuti nell’hard disk. C’è, inoltre, la possibilità di connettere i propri account cloud come quelli di Google, Nextcloud e Microsoft, così come ai domini Microsoft Exchange e l’account di posta IMAP.

Pop!_Shop è la sezione in cui è possibile scaricare le applicazioni utili per lavorare sul nostro PC, così come gli aggiornamenti ufficiali del sistema operativo. Infine, tutela della privacy: nessun dato viene raccolto per gli sviluppatori e i gestori del sistema.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here