TikTok più simile a YouTube: la nuova funzione del social è utilissima

0
116

Il vantaggio di poter avere i sottotitoli generati automaticamente è innegabile su Youtube. TikTok però segue a ruota e dopo la funzionalità per i creator allarga la possibilità anche a chi visiona i video. Non per tutte le lingue, ma c’è già l’italiano.

tiktok e youtube
TikTok è sempre più simile a Youtube e non molla. – Androiditaly.com

Non è una novità che fra le due piattaforma più note  dedicate ai video si sia ormai instaurata una certa rivalità. Dopo gli Youtube Shorts ora tocca alla controparte ribattere, e pare che TikTok lo abbia fatto con una funzionalità molto utile.

La novità in questione riguarda i sottotitoli generati automaticamente nei video. Questi sono già disponibili da circa un anno per i creator, soprattutto per venire incontro ai non udenti. Ora però questa possibilità si estenderà anche agli spettatori, a chi visualizzerà la clip video pubblicata su TikTok. Ma non finisce qui perché oltre a questo aggiornamento la piattaforma ha altri progetti a breve.

Questi riguarderanno la traduzione delle didascalie dei video e delle descrizioni presenti nei post. Un modo per prendersi ancora più avanti dato che anche Instagram ha annunciato poco tempo fa una novità molto simile per i sottotitoli. E in fondo TikTok era uno dei pochi social dove non era ancora disponibile.

Non saranno da subito disponibili tutte le lingue per questa funzionalità, ma il primo lotto ne comprende già nove. Tra queste ci sono già l’italiano, ovviamente l’inglese, il tedesco e lo spagnolo.

I sottotitoli automatici abbattono le barriere

tiktok
TikTok vuole seguire la scia di Youtube per i sottotitoli automatici. – Androiditaly.com

L’introduzione dei sottotitoli automatici anche per chi visiona le clip di TikTok sottolinea il carattere globale del social network. Abbassa i confini rappresentati dalle lingue, rendendo più semplice comprendere i contenuti. Questo vale sia per chi leggendo capisce meglio i dialoghi o la musica sia per chi non ha la possibilità di sentire. L’aspetto dell’inclusione non va mai abbandonata per una realtà che ormai è quotidiana come quella dei social. Più vengono abbattute le barriere linguistiche più i contenuti si possono diffondere per la gioia di chi li ha creati.

I sottotitoli potranno essere attivati quando si preferisce e rimossi allo stesso modo quando non serve più. Questo può aiutare a far fronte anche in situazioni dove l’audio del telefono non funziona o ci sono troppi rumori di sottofondo per apprezzare la qualità dell’audio. In più dato che vanno letti richiedono maggiore attenzione.

 

🔴 FONTI: www.msn.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here