Web sconvolto, una truffa per milioni di dollari colpisce quasi 300 siti, potresti essere stato ingannato anche tu

0
117

Nel corso di tre lunghi anni attraverso il dark web un gruppo di truffatori ha sottratto milioni di dollari. Con quasi 300 siti creati ad arte e camuffati da servizi di assistenza clienti o app per incontri è bastato poco per rubare denaro agli incauti.

computer avviso in rosso
La truffa corre sul web da tempo e i siti falsi sono davvero tantissimi. – Androiditaly.com

Non bastano le applicazioni infette, a quanto pare sono diversi anche i siti web da cui guardarsi e in particolare sono due le categorie verso cui avere diffidenza. Da un lato i siti per incontri e dating e dall’altra quelli per assistenza clienti. Il team degli esperti do sicurezza di ReasonLabs ha infatti scovato più di 270 siti falsi e costruiti con l’unico obiettivo di rubare. Il tutto passando per il dark web, la parte più pericolosa della rete di Internet.

Il gruppo di truffatori non è noto, anche se alcuni pensano che la loro sede operativa si trovi in Russia. Quello che è orma chiaro invece è il meccanismo utilizzato per sottrarre il denaro direttamente dalle carte di credito.

Le centinaia di siti fungevano solo da copertura per la reale attività dei criminali. Questi acquistavano le carte rubate sul dark web per poi effettuare pagamenti sui portali fasulli. Un sistema per rendere almeno a prima vista legali e giustificate queste transazioni. Un’impalcatura che ha retto per ben tre anni prima di essere scoperta.

Perché il dark web spaventa

dark web
Acquistare carte di credito rubate è solo una delle attività illegali più leggere che si può svolgere in quest’area. – Androiditaly.com

Se si sente parlare a volte del Deep Web, le carte cambiano ancora quando ci si addentra nella parte più oscura del World Wide Web. Non a caso si parla di darknet, reti oscure, che nel loro insieme compongono il Dark web.

All’interno di questa zona oscura si trova il Black Market, un mercato dove è possibile acquistare praticamente tutto. Dalle sostanze illegali a malware creati da hacker professionisti, dai documenti falsi fino alle armi o ai dati sottratti a privati e aziende. Per non tracciare questi acquisti nel Dark web si usano solo le criptomonete, fra cui la valuta preponderante è Bitcoin.

Per chi accede alle darknet infatti è garantito il totale anonimato anche per le transazioni. Va detto anche che l’acquisto di droghe è ancora fra le attività più innocue che si possono effettuare nel Dark web rispetto a reati gravi come il traffico di esseri umani.

 

🔴 FONTI: www.scmagazine.com