PS5 e Xbox Series X/S: quando finirà la crisi delle scorte?

0
62
ps5 xbox x scorte
(foto: YouTube).

L’emergenza COVID-19 ha impedito a Sony e Microsoft di mettere sul mercato le scorte richieste di PS5 e Xbox Series X/S: quando finirà la crisi?

ps5 xbox x scorte
Quando finirà la crisi delle scorte? (foto: YouTube).

Solo qualche anno fa, ci sarebbe sembrata una situazione da fantascienza; eppure il COVID-19 ci ha messo davanti ad una serie di circostanze al di fuori di ogni immaginazione.

Leggi anche –> Il figlio compra su App Store, costretto a vendere la macchina

Oltre al distanziamento sociale e le varie restrizioni, la pandemia ha causato anche una crisi di materie prime, che ha avuto un peso non indifferente sul mercato; data la difficoltà di reperire il materiale fondamentale per la costruzione hardware, sia Sony che Microsoft si sono trovate a realizzare molte meno PS5 e Xbox Series X/S rispetto alla richiesta del mercato, ovviamente altissima.

Sono complessivamente pochi (rispetto ai numeri a cui eravamo abituati) gli utenti che possiedono una console di nuova generazione e, nonostante qualche isolato rifornimento ai negozi, sia PS5 che Xbox Series X/S restano oggetti rari.

Ma quando finirà questa crisi e, soprattutto, quando sarà possibile tornare ad acquistare i due prodotti normalmente e magari anche con qualche sconto?

PS5 e Xbox Series X/S, la crisi delle scorte destinata a continuare ancora a lungo

Stando a quanto riportato dal CEO Intel Pat Gelsinger (via Gamespot) la crisi non è vicina alla fine. L’azienda non è direttamente coinvolta nella realizzazione delle due console (che spetta invece a AMD) ma necessita delle stesse materie prime.

ps5 xbox x scorte
Ancora diversi mesi di crisi (foto: YouTube).

Il CEO Gelsinger non è ottimista e crede che la scarsità di componenti come semiconduttori e chip continuerà almeno fino al 2023, dunque per un altro anno e mezzo o forse pienamente due.

Leggi anche –> Football Manager: svolta epocale per il gioco di Calcio manageriale più famoso al mondo

La stessa Intel ha investito in questi mesi in nuovi centri produttivi (sia negli USA che in Irlanda o Israele) ma le riserve per quest’anno si stanno esaurendo e si dovrà ancora tenere duro, almeno appunto fino al 2023. Al momento, i negozi pieni delle scatole delle console ci sembrano un miraggio e, almeno nei prossimi mesi, resteranno tale.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here