Robot vs Chernobyl: le nuove sfide dove l’uomo non osa

0
19

Il sito del reattore nucleare che ha cambiato la storia riceverà un contributo dalla scienza

Chernobyl oggi rimane ancora un grosso modo da scogliere, apparentemente immutata nel passare del tempo, è ancora una zona altamente radioattiva – Androiditaly.com

Un progetto sviluppato dall’Università di Bristol potrebbe rappresentare la chiave di volta per velocizzare le operazioni di smantellamento e bonifica della centrale nucleare di Chernobyl.

Dopo 35 anni dal disastro nucleare che cambiò radicalmente l’opinione pubblica nonché quei luoghi per sempre sembrava fossimo ancora molto lontani da quella che doveva essere una soluzione definitiva di recupero dell’aria.

Invece lo studio condotto dai ricercatori inglesi permetterà di posizionare dei robot dotati di sensori direttamente nella sala di controllo del Reattore 4. E questi potranno mappare con estrema precisione le radiazioni presenti nelle diverse aree.

LEGGI ANCHE: Astro il robot domestico di Amazon che si muove e ci aiuta dentro casa

Le attività di sviluppo e ricerca però non avrebbero avuto il successo sperato senza il supporto locale dato dal Safety Problems of Nuclear Power Plants della Ukraine National Academy of Science. Nonché all’autorizzazione delle autorità amministrative ucraine che hanno dato il via libera alla messa in opera delle macchine.

Il lavoro di smaltimento delle scorie e del reattore ed il futuro dell’area

L’impiego dei robot sensori permetterà ai tecnici una conoscenza real time delle radiazioni permettendo di svolgere le operazioni in sicurezza – Androiditaly.com

Le macchine autonome e semi-autonome implementate dai ricercatori verranno quindi piazzate nella così detta area di alienazione. È a loro che è affidata una superficie che si estende intorno al reattore per circa 30 km.

Il loro scopo sarà quello di creare delle mappe virtuali tridimensionali della centrale andando a identificare la distribuzione delle radiazioni. Questa operazione è da considerarsi particolarmente preziosa, poiché permetterà di eseguire le operazioni di bonifica in maniera più sicura andando a monitorare quelle che sono le emissioni in modalità tempestiva e dinamica.

LEGGI ANCHE: Ora la guardia la fa un cane robot: si chiama Spot e protegge lo stabilimento di KIA

Il prof. Tom Scott., team leader di Bristol, ha presentato il progetto indicando come l’utilizzo dei robot renda tutte le operazioni non solo più sicure ma anche più veloci ed economiche. Invece sono affidate alle parole di Leonid Yakovenko, responsabile del Chernobyl Nuclear Power Plant Radiation Safety, le prospettive più incoraggianti. È lui infatti che ci fa sapere che grazie al lavoro di mappatura fatto a Chernobyl avremo a disposizione un dettaglio mai raggiunto prima.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here