Nuovo attacco hacker per Panasonic: fortemente danneggiati i suoi sistemi, e forse qualcosa di più

0
51

Una azienda si è trovata in serie difficoltà: per via di un attacco hacker senza precedenti, parte dei dati sensibili della società sono andati persi. Ma cosa è successo in seguito?

Nuovo attacco hacker per Panasonic: fortemente danneggiati i suoi sistemi, e forse qualcosa di più
Panasonic è stata protagonista di un colpo informatico molto duro – Androiditaly.com

Nonostante i dettagli al riguardo non siano troppi, possiamo affermare con certezza che le incursioni informatiche siano iniziate a giugno, e che poi abbiano avuto fine soltanto a novembre. Quindi, arriviamo ad una spiacevole conclusione: la compagnia ha dovuto affrontare i cyber criminali per scongiurare i problemi causati da loro.

LEGGI ANCHE: Alieni in grado di infettare l’uomo e arrivare facilmente sulla Terra? Sì, è possibile

L’azienda in questione è la Panasonic, la quale ha confermato di essere stata vittima di un accesso non autorizzato alla sua rete, e che pare sia avvenuto – in modo più accentuato – proprio questo mese. In merito a quanto accaduto ha provveduto a rilasciare una dichiarazione.

Quali danni ha portato l’incursione

Nuovo attacco hacker per Panasonic: fortemente danneggiati i suoi sistemi, e forse qualcosa di più
La Panasonic è soltanto una delle tante compagnie che, di recente, si sta trovando in serie difficoltà per via di questi continui attacchi hacker – Androiditaly.com

Ciò che è stato affermato dalla società, in una nota ufficiale, è questo: “Dopo aver rilevato l’accesso non autorizzato, la società ha immediatamente segnalato l’incidente alle autorità competenti e ha implementato contromisure di sicurezza, comprese le misure per impedire l’accesso esterno alla rete. Oltre a condurre le proprie indagini, Panasonic sta attualmente lavorando con un’organizzazione di terze parti specializzata per indagare sull’infiltrazione e determinare se la violazione ha coinvolto informazioni personali dei clienti e/o informazioni sensibili relative all’infrastruttura sociale“.

Seppur non siano stati condivisi alcuni dettagli, i media Mainichi e NHK hanno riferito che gli attacchi hacker si siano verificati per tanto tempo, e che non sia stato facile fermarli. Oltretutto, in una intervista a TechCrunch, è stato scoperto che abbiano notato il problema soltanto l’11 novembre, nonostante i ripetitivi errori tecnici fossero continuati per mesi.

I server presi di mira riguardavano informazioni sui partner commerciali e sulla tecnologia che viene utilizzata, rilevando altre informazioni in merito ad un altro attacco hacker che, tra l’altro, aveva avuto luogo proprio lo scorso novembre.

LEGGI ANCHE: Il Kazakistan non può usare l’energia l’elettrica, e la colpa è delle criptovalute

Infine, Panasonic, ha concluso le sue dichiarazioni con un’ultima nota a Mainichi, riferendo queste parole: “Non possiamo prevedere se questo avrà conseguenze sulla nostra attività o sulle performance aziendali, ma non possiamo negare la possibilità di un incidente grave“.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here