Waze cambia tutto ed introduce la nuova modalità “retrò”, un divertimento ben congeniato

0
172

L’applicazione Waze ha appena introdotto la Retro Mode: disponibili gli anni ’70, ’80 e i mitici anni Novanta. Quando si accede si può selezionare la modalità e apparirà subito una grafica studiata appositamente per riportare al periodo prescelto.

app waze
Fino alla metà di maggio l’applicazione porterà indietro nel tempo. – Androiditaly.com

Da questo momento fino alla metà del mese di maggio aprendo Waze si potrà tornare indietro nel tempo. All’interno dell’applicazione saranno disponibili tre nuove interfacce grafiche. La prima ispirata agli anni ’70, la seconda a tema anni ’80 e la terza dedicata agli anni ’90.

Questa nostalgico aggiornamento è stato chiamato Retro Mode. L’app di navigazione da sempre usa una grafica meno “formale” di altri servizi simili come Google Maps per rendere più spensierati i viaggi.

Per chi sceglierà gli anni ’70 sulla mappa si materializzerà un pulmino stile hippy, decorato con disegni di fiori sulla fiancata. A inaugurare il viaggio invece apparirà un ragazzo con vinile e cuffie alla mano.

Nel caso degli anni ’80 a viaggiare sarà invece un’auto sportiva dell’epoca. Il navigatore sarà una ragazza in una tenuta sportiva che ricorda molto Flashdance, con gli scaldamuscoli e il body.

Chiude la rassegna della Retro Mode il tema anni ’90, quando uscivano le prime console portatili. Come guida apparirà la versione in grafica technicolor di una cantante pop che sembra ispirata allo stile di Britney Spears. La vettura iconica prescelta invece sarà il modello SUV4EVA.

Purtroppo per questa interfaccia che sfida il tempo si dovrà utilizzare una tra le seguenti lingue: inglese, francese o portoghese.

Waze, navigazione sempre aggiornata

waze icona
Waze, per circolare consapevoli. – Androiditaly.com

Come tutte le app per la navigazione Waze continua ad aggiornarsi. Nel 2012 registrava quasi un milione di utenti attivi in Italia e lo stesso anno aveva introdotto la possibilità di trovare il distributore più economico. Naturalmente in base al carburante necessario, inserito dall’utente.

Waze può fornire aggiornamenti sia sul traffico sia su altri imprevisti relativi al tragitto in tempo reale. Grazie ai dati forniti dagli utenti inoltre calcola un tempo di percorrenza molto attendibile. Tutti coloro che utilizzano l’applicazione possono contribuire a fornire dati su tutto ciò che può rivelarsi un ostacolo o dare luogo a ritardi. Anche la presenza di pattuglie di polizia può essere segnalata, ma non le posizioni degli autovelox.

Grazie al feedback degli utenti l’app verifica quali informazioni fornite siano reali e quali invece vadano ricontrollate. Fino al 2014 serviva anche avere un account Facebook da cui accedere ma ora non è più vincolante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here