Attacco hacker contro Tesla, la situazione è sempre più tragica, come prevenire i furti?

0
104

La tecnologia NFC (Near Field Commnication) è molto usata sia per i sistemi di pagamento che per l’apertura della automobili. Ma se da un lato risulta molto comoda dall’altro agevola i furti, e Tesla purtroppo lo sa ormai troppo bene.

marchio tesla
Con il sistema NFC purtroppo “clonare” la chiave dei modelli Tesla è semplice. – Androiditaly.com

Come quasi tutte le novità anche la tecnologia NFC può rivoltarsi contro chi la utilizza. Eppure dalla sua introduzione si è sempre rivelato il massimo della praticità. Il sistema Near Field Communication è noto infatti per consentire la comunicazione a distanza ravvicinata fra due dispositivi wireless, anche senza venire a contatto. Alla fine viene usato anche per pagare con il POS alla cassa.

Purtroppo però quando si tratta di macchine il discorso si fa molto più serio, perché la tecnologia NFC può risultare un alleato degli hacker per rubarle senza grossi sforzi. Un fenomeno che è tristemente noto per i modelli Tesla ma anche in generale per le auto elettriche che sfruttano questo sistema.

Il trucco usato dagli hacker è il clonaggio della card NFC che si può effettuare stando molto vicini al proprietario, presumibilmente in un luogo affollato. Una volta entati nel raggio di azione per la lettura della carta, è possibile duplicarne il segnale con un identificatore di frequenza. Il doppione viene assegnato a una nuova scheda NFC che così diventa la copia della chiave originale.

La risposta di Tesla

tesla aperta
L’azienda di Musk non perde tempo e pensa già a una contromossa per evitare il clonaggio. – Androiditaly.com

Tesla sa di non poter rischiare data l’entità del problema e quindi sta sviluppando una funzione mirata a contrastare i furti. Si tratta del sistema chiamato “PIN to drive” che prevede uno step in più per sbloccare la macchina dopo aver aperto la portiera.

Come è intuibile dal nome della funzione occorrerà inserire un codice PIN prima di mettersi alla guida, direttamente dal display del modello Tesla. Se il codice non dovesse risultare corretto, l’auto non potrà partire. In questo modo se anche gli hacker fossero riusciti a copiare la card non potrebbero comunque scappare con la macchina ma solo riuscire a entrarci.

In generale comunque la cosa migliore è non perdere mai di vista la card NFC in modo da prevenire qualsiasi tentativo di furto. Se invece come sistema di sblocco si usa il proprio smartphone, l’attenzione da prestare è doppia. Capita molto spesso di lasciarlo incustodito senza pensarci…

 

🔴 FONTI: electrek.co