Meet di Google si evolve, ora avrà le traduzioni audio in tempo reale

0
26
Google Meet introduce la traduzione in tempo reale - Androiditaly.com

Google Meet permette di tradurre gli audio dal vivo. Per ora dall’inglese al francese, spagnolo, portoghese e tedesco.

Google Meet introduce la traduzione in tempo reale – Androiditaly.com

Google Meet “tradotto” in parole povere

Google Meet se ne esce con una nuova ed interessante funzione. I più accorti sapranno già che Google offre il supporto per i sottotitoli in tempo reale da oltre un anno. La funzione risulta molto utile per tutti gli utenti che parlano lingue diverse, ma vogliono comunque comunicare con facilità. Ma ora si alza l’asticella e il servizio diventa ancora più interattivo.

Infatti la app di videoconferenza ha lanciato una nuova funzione in beta, che mira ad aiutare le persone a beneficiare di videoconferenze più reali, sia in ambito lavorativo che di studio. Google ha ufficialmente aggiunto alla piattaforma Meet la traduzione dell’audio in tempo reale, anche per ora solo con sorgente l’inglese, traducibile in francese, spagnolo, portoghese e tedesco.

La traduzione dell’audio sarà disponibile con la prossima beta

L’intenzione di Google è molto semplice e chiara: aiutare gli utenti a fruire i contenuti nella loro lingua preferita, uniformando così la condivisione delle informazioni, l’apprendimento e la collaborazione. Il colosso di Mountain View afferma inoltre che i sottotitoli tradotti in diretta potrebbero essere particolarmente utili per riunioni e programmi di formazione con team distribuiti a livello globale. Potranno trarne vantaggio gli educatori e gli studenti.

LEGGI ANCHE: Bellissimi gli iPhone 13 ma iOS non lo sopporti? ecco come farlo diventare un Android con Google

La nuova funzione di meet è già disponibile per riunioni virtuali tra utenti di Google Workspace Business Plus, Enterprise Standard, Enterprise Plus, Education Plus e Teaching & Learning Upgrade. Per abilitare le traduzioni automatiche, gli interessanti devono attivarle in ‘Impostazioni’ e scegliere l’inglese come lingua principale. “Le didascalie aiutano le call via Google Meet ad essere più agevoli e inclusive, rimuovendo la barriera della lingua a favore della collaborazione” ha spiegato l’azienda.

Non sappiamo ancora quando Google integrerà anche altre lingue per le traduzioni dall’inglese. Confidiamo che l’italiano sarà una delle prime ad aggiungersi alle alternative.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here