NED gli auricolari con microchip che rivoluzioneranno l’ascolto

0
218

La nuova proposta per degli auricolari che cambieranno l’esperienza dell’utente in maniera radicale è firma dall’Istituto di ricerca Fraunhofer

NED 11122021- Androiditaly.com
La tecnologia che sottende a questo tipo di prodotto ha molti campi di applicazione di cui l’acustica è solo uno di quelli che si rivolge al mercato di largo consumo- Androiditaly.com

Nel panorama delle innovazioni tecnologiche l’ambito dell’audio ha avuto un’ evoluzione  importante. Non solo dal punto di vista dei supporti o degli apparecchi di riproduzione.
Ma in buona sostanza, pur cambiando in forma e design, aggiornandosi con l’avanzare delle scoperte tecnologiche non possiamo esattamente affermare che quanto imparato nel 1870, con i primi apparecchi che hanno riprodotto i suoni, si discosti molto dalle super performanti Air Pod’s Pro della Apple di terza generazione.

Ecco perché l’applicazione della nuova tecnologia NED. L’acronimo sta per Nanoscopic Electrostatic Drive ed è applicato agli auricolari di tipo eat-in rappresenta la vera e sostanziale rivoluzione del comparto.

LEGGI ANCHE: Sony lancia un prodotto al top coi nuovi auricolari WF-C500: qualità massima ad un prezzo onesto

Dunque il vero passo in avanti sarà rappresentato dalla nuova tipologia di prodotti, ovvero i chip-microspeaker.

Le caratteriste del prototipo firmato Fraunhofer e come cambierà il nostro approccio all’esperienza d’utilizzo di un auricolare ear-in

auricolari NED 11122021- Androiditaly.com
Il prototipo allo studio dell’azienda Fraunhofer potrebbe essere la pietra miliare per l’avvio di una rivoluzione nel campo dell’acustica indossabile – Androiditaly.com

I nuovi apparecchi saranno identificabili come degli speaker completamente in silicio, o per vederla in termini meno fascinatori, come dei chip dotati della capacità di emettere onde sonore. Sono stati gli ingegneri dell’istituto Fraunhofer a canalizzare le possibilità della NED in nuovi dispositivi che non richiederanno più la presenza di membrane o magneti per essere pienamente funzionanti.

Il chip che sarà alla base dei nuovi auricolari è articolato da una serie di lame di dimensioni microscopiche che hanno la capacità di flettersi e piegarsi rispondendo all’imputato elettrico. Le dimensioni notevolmente contenute si riflettono anche nel supporto che potrebbe non superare i 10 millimetri quadrati., con al capacita di generar una pressione sonora di ben 120 dB. Sarebbero questo gli standard che permetterà un’esperienza uditiva ottimale.

LEGGI ANCHE: AirPods come ibuprofene? Pare di sì, tant’è che se ne ingoia uno – VIDEO

Arioso, questo il nome del prototipo, avrà moltissimi vantaggi non soltanto in termini di ingombro ma anche per quanto riguarda la durata d’utilizzo e il prezzo di vendita sul mercato, che si stima essere decisamente competitivo rispetto alle proposte attualmente presenti di fascia alta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here