Recensione Huawei Ascend P7

AndroidItaly.com ha provato per voi in anteprima il nuovo Huawei Ascend P7, uno smartphone sottile ed elegante con schermo da 5 pollici full HD, top di gamma a prezzo accessibile del produttore cinese. Nel caso in cui il nome Huawei non vi suoni del tutto familiare vi basti sapere che l’azienda asiatica ha recentemente vinto l’appalto per la fornitura degli apparati di rete mobile per Vodafone e rete 4G per Wind.

Andiamo a scoprire insieme questo nuovo modello dopo oltre un mese di intensi test.


Ascend P7 si presenta con un design estremamente sottile e con materiali molto ricercati quali vetro e alluminio, insieme ad una qualità costruttiva davvero degna di nota nonostante il design non sia dei più personali (alzi la mano chi ha pensato alla Mela).



Anteriore e posteriore sono ricoperti interamente da vetro Gorilla Glass 3. Alluminio invece per i lati e la parte posteriore. Sul lato destro troviamo due cassettini per MicroSIM e MicroSD (nei mercati asiatici in quest’ultimo alloggiamento è possibile inserire anche una seconda MicroSIM, peccato non sia possibile anche in Europa), tasto accensione/blocco e bilanciere del volume. Sul lato superiore è posizionato unicamente l’ingresso per Jack audio da 3,5, mentre il lato sinistro è “pulito”. Quello inferiore vede esclusivamente ingresso MicroUSB e microfono per le conversazioni.


Merita una menzione in particolare lo schermo: uno dei più belli presentati quest’anno. Un 5″ Full HD con una densità di 445 PPI, un’ottima leggibilità all’esterno ed un’eccellente reattività del touch screen.


A livello hardware Ascend P7 è equipaggiato con un processore Quad Core da 1.8 GHz Huawei HiSilicon Kirin 910T su base Cortex-A9 con GPU Mali 450. Sicuramente una soluzione non all’ultimo grido, che soffre un po’ della correnza diretta e costituisce l’unico vero “collo di bottoglia” nella scheda tecnica di questo telefono, ma riesce comunque a far girare più che discretamente tutto il telefono, a patto talvolta di accettare un certo riscaldamento nella parte posteriore. 
La RAM, da 2 GB, è in linea con il resto della concorrenza, così come i 2500 mAh della batteria (non rimovibile) si collocano perfettamente in linea con la concorrenza. In questo caso, purtroppo, è il processore a fare la differenza in negativo complicando un po’ l’esistenza a chi vorrebbe arrivare a sera con un utilizzo del telefono molto intenso. Su questo fronte, tuttavia, vengono in aiuto moltissimi accorgimenti software pensati da Huawei per limitare l’utilizzo (e di conseguenza il consumo) delle applicazioni superflue e selezionare quali applicazioni potranno accedere autonomamente alla rete e quali, ad esempio, dovranno essere terminate automaticamente una volta spento lo schermo .

La parte telefonica si distingue positivamente, dall’audio fino alla ricezione. Qui si vede il know-how accumulato da Huawei in qualità di fornitore hardware di moltissimi gestori mondiali, tra cui i due italiani di cui abbiamo parlato ad inizio recensione.

hands_on_huawei_ascend_p7_0011
Il software è basato su Android 4.4.2 e personalizzato con l’interfaccia Emotion UI 2.3. Tutto è perfettamente integrato e coerente in tutte le sue parti, mettendo in evidenza una grande cura da parte del produttore cinese. Moltissime le opzioni disponibili per la personalizzazione dei temi fino ai permessi sulla privacy per le singole applicazioni. Allo stesso modo, è possibile abilitare o disabilitare l’uso delle reti mobili o Wi-Fi delle singole applicazioni, piuttosto che autorizzarne l’esecuzione o la disattivazione a schermo spento.




A livello multimediale il P7 si presenta con due fotocamere da 13 ed 8 MP, di una qualità che ci ha davvero sorpreso positivamente. La fotocamera anteriore è stata pensata soprattutto per lo scatto dei selfie, mettendo a disposizione moltissime opzioni . Al tempo stesso la fotocamera posteriore, caratterizzata da un sensore Sony BSI, offre ottimi scatti sia di giorno che di notte, dove abbiamo notato che la sensibilità è decisamente maggiore di dispositivi più blasonati come il Galaxy S5, specialmente nella registrazione dei video.



Huawei Ascend P7 si presenta in una confezione bianca, elegante e curata, con una dotazione che potremmo definire standard: smartphone, caricabatterie da 1000 mAh, cavo dati/ricarica, auricolari stereo e graffetta per l’estrazione dei cassettini laterali.


Ascend P7 è un ottimo prodotto, macchiato solamente da una CPU che tecnologicamente guarda indietro a due anni fa. Per quanto riguarda tutto il resto, compreso il prezzo, può affrontare i rivali a testa alta. Uno dei suoi migliori biglietti da visita è proprio il prezzo onesto: 399 Euro, che online scendono facilmente a poco più di 300. Uno smartphone da tenere certamente in considerazione.

Scheda tecnica: Huawei Ascend P7

  • Dimensioni 139,8mm x 68,8mm x 6,5mm
  • Schermo 5.0 pollici FHD, 1920×1080
  • Processore Quad-core 1.8GHz
  • Sistema Operativo Android™ v4.4 + Emotion UI 2.3
  • Batteria 2500mAh
  • Multimedia Audio Codec: MP3, MIDI, AMR-NB, AMR-WB, AAC, AAC+, eAAC+, AAC-LC, FLAC, WMA2-9, RA File Format: *.mp3, *.mid, *.amr, *.3gp, *.mp4, *.m4a, *.wav,*.ogg, *.ra Video Codec: MPEG-4, H.264, H.263, VP8, RV7-10,Xvid, WMV9 File Format: *.mp4, *.3gp, *.wmv, etc.
  • Fotocamera posteriore 13 Megapixel con Flash
  • Fotocamera frontale 8 Megapixel
  • Connettività Wi-Fi: 802.11b/g/n Bluetooth: 4.0 USB 2.0 HS
  • Frequenza di banda GSM: 850/900/1800/1900MH UMTS: B5/B2/B1/B8 FDD LTE: B1/B3/B7/B8/B20
  • Memoria RAM: 2GB ROM: 16GB MicroSD (fino a 32 GB) 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: