Recensione SPB Wallet per Android: tutti i propri dati personali al sicuro e a portata di mano

Logo di SPB Wallet per AndroidLa software haouse russa SPB sta gradualmente portando sul sistema operativo Android tutti i suoi software più popolari sviluppati in passato per altri sistemi operativi sia desktop che mobili, come il recente SPB Wireless Monitor, accompagnandoli con applicazioni create appositamente come il launcher alternativo SPB Shell 3D.
Oggi andremo a recensire SPB Wallet per Android, un’applicazione che permette di raccoglie e gestire tutti i propri dati sensibili e personali in un unico posto. I nostri dati saranno raccolti all’interno di un file criptato tramite l’algoritmo AES a 256 bit e protetto tramite password. Si riusciranno a coniugare quindi protezione e praticità di consultazione.

Schermata iniziale di SPB Wallet per Android
All’apertura del programma ci verrà chiesto di creare un nuovo portafogli o aprirne uno esistente. Il processo di creazione di un nuovo portafogli prevede l’assegnazione di un nome e di una password. Poiché questa password proteggerà tutti gli altri dati sensibili contenuti all’interno dell’applicazione si consiglia di usare una password complessa.

Creazione di un nuovo portafoglio in SPB Wallet per Android 
Una pratica barra in fondo alla schermata offrirà una valutazione sulla robustezza della password scelta. Il campo in fondo a questa schermata dà la possibilità di inserire un suggerimento. Tra le opzioni si potrà scegliere dopo quanti tentativi errari far comparire questo suggerimento opzionale, che ricordiamo sarà visibile a tutti.

Visualizzazione del portafoglio in SPB Wallet 
Nell’immagine sopra è visibile la schermata principale del nostro portafogli con le varie categorie di dati al suo interno. Ogni categoria è personalizzabile, con la creazione di sottocartelle e schede specifiche. In alto sono presenti tre icone: la prima a sinistra apre il motore di ricerca interno all’applicazione, la seconda permette l‘aggiunta di una nuova cartella o di una scheda, mentre l’ultima porta alla schermata degli strumenti e delle opzioni. Il motore di ricerca interno effettua ricerche tra i nomi, i valori dei campi e il contenuto delle note per trovare quel che cerchiamo.

Schermata degli strumenti in SPB Wallet per Android 
La schermata degli strumenti visibile nell’immagine soprastante permette l’accesso ai modelli preimpostati (Templates) ai vari portafogli nel acso ve ne fossero più d’uno, al generatore delle password, alle opzioni del programma, alla sincronizzazione, alla schermata per modificare la password principale del portafogli, oltre all’icona per chiudere il programma e a quella per le informazioni sull’applicazione.

Modelli preimpostati in SPB Wallet per Android 
La sezione Templates con l’elenco dei modelli già preimpostati è il cuore del programma. Una delle caratteristiche peculiari di SPB Wallet è la possibilità di utilizzare delle schede che ricalcano più o meno fedelmente i documenti e le carte di credito che abbiamo in tasca, in modo da consentire una più facile consultazione dei dati.

Nell’applicazione sono presenti più si 60 modelli predefiniti, icone, e rappresentazioni grafiche. Se quello che cerchiamo non è presente sul programma avremo la possibilità di accedere alla SPB Wallet Templates Gallery che contiene più di 7000 schede direttamente dall’interno dell’applicazione.

Le 7000 schede sono ricercabili per nazione, tipo di documento e parola chiave. Esistono schede specifiche per ogni nazione in cui è stata localizzata l’applicazione, quelle specifiche per l’Italia sono più di 700 ed è possibile visualizzarle online. Sarà quindi semplice trovare per esempio la scheda relativa alla carta bancomat rilasciata dalla vostra banca o i modelli relativi a carta d’identità, patente e passaporto.

Personalizzazione di una scheda in SPB Wallet per Android
Una volta trovata la scheda che ci interessa online basterà cliccarci sopra per scaricarla all’interno dell’applicazione. Ogni scheda è interamente personalizzabile sia nelle voci che nei contenuti. Sarà possibile visualizzare un’anteprima della scheda e spostare a piacimento la posizione degli elementi per rispecchiare il documento o la carta che possediamo.

Dopo aver accertato la presenza di tutte le schede che ci serviranno all’interno dell’area Template, l’inserimento vero e proprio dei dati avviene dalla schermata principale del nostro portafogli, visibile nella terza immagine. Qui sceglieremo una categoria appropriata e tramite il pasto più aggiungeremo la scheda di nostro interesse compilando i campi con i dati appropriati. In ogni momento sarà possibile modificare la scheda per renderla aderente alla realtà.

Scheda di una carta di credito in SPB Wallet per Android 
L’immagine soprastante rende l’idea di una scheda ultimata, con i dati fondamentali che rispecchiano quelli realmente presenti sulla carta e i dati accessori insieme alle note posti sotto l’immegine della carta. I campi che compongono una scheda sono interattivi: cliccando sui pallini del PIN o del CVV verranno mostrati i loro valori, cliccando su un numero di telefono si potrà effettuare una chiamata o mandare un SMS, allo stesso modo cliccando su un indirizzo email si potrà inviare un messaggio di posta elettronica o raggiungere un sito cliccando sul suo URL.

Generatore di password in SPB Wallet per Android 
All’interno del programma è presente un generatore di password anch’esso personalizzabile. Si potrà decidere la robustezza della password da generare, la sua lunghezza, imporre l’uso di determinati caratteri, scegliere se includere caratteri maiuscoli o minuscoli, numeri, simboli, spazi e se rendere la password generata (più o meno) pronunciabile.

Opzioni di SPB Wallet per Android 
Tra le opzioni del programma possiamo impostare dopo quanto tempo chiudere a chiave il nostro portafogli con la password, dopo quanti tentativi errati far comparire la frase di aiuto che abbiamo inserito durante la creazione del portafogli e ablitare l’accesso automatico al portafogli all’inserimento dell’ultimo carattere corretto della password iniziale.

Sincronizzazione con Gmail di SPB Wallet 
E’ possibile impostare la sincronizzazione del proprio portafogli con un account Gmail. Se la si attiva l’applicazione invierà automaticamente una email al nostro indirizzo Gmail con in allegato il file in formato .swl del nostro portafogli. SPB Wallet provvederà inoltre a creare automaticamente un’etichetta omonima per aiutarci a trovare questa mail in mezzo alle altre. 

Questa applicazione dà il meglio di sé con la gestione delle carte di credito, di cui fornisce un numero sterminato di modelli, ma non si ferma minimamente qui fornendo modelli per memorizzare i dati più disparati: codici seriali per programmi software, taglie di abbigliamento, impostazioni di server, numeri di emergenza o per interventi tecnici in casa, dati dell’automobile, diottrie mancanti e molto altro. Si presta insomma ad essere il punto centrale in cui riunire tutti i dati che ci riguardano.

La possibilità poi di poter sincronizzare questo database tramite Gmail è molto utile fungendo anche da backup di sicurezza. Tutti gli utilizzatori di Android devono possedere un indirizzo di posta Gmail anche solo per attivare il loro terminale e il file che viene spedito è criptato e protetto da password. Consiglio tuttavia di non salvare la password di Gmail nelle opzioni di sincronizzazione poiché questa non sarà protetta da crittografia all’interno del programma.

Scheda tecnica
Compatibilità: Android 2.1 e versioni superiori
Categoria Android Market: Produttività
Produttore: SPB Software
Prezzo: € 2,46
Link: SPB Wallet 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: